Lazio-Spal cosa è andato e cosa non ha funzionato?

Lazio-Spal cosa è andato e cosa non ha funzionato?

novembre 5, 2018 0 Di Marco Tarantino

Lazio-Spal ha confermato che la squadra bianco-celeste è in uno stato di forma positivo nonostante la sconfitta contro l’Inter. La squadra di Inzaghi vince e convince a livello tattico e tecnico contro una squadra che propone gioco ma che difensivamente paga dazio per sbavature ed errori di vario genere.

Simone Inzaghi lancia Caicedo con Immobile in attacco è la soluzione continua a dare i suoi frutti. Scomparso dai radar Luis Alberto mentre torna a farsi vedere Jordan Lukaku.

Lazio-Spal cosa è andato bene?

La Lazio è una squadra forte a livello offensivo contro le piccole non trova nessuna difficoltà ad andare in gol e riesce a mettere in moto i suoi attaccanti in maniera perfetta. Caicedo è la spalla ideale per Immobile in questo periodo dell’anno e Correa entrando in corso d’opera porta un dinamismo incredibile alla squadra. Tante soluzioni anche dalla panchina con Cataldi che finalmente si sblocca e speriamo anche a livello mentale abbia trovato quello stimolo a fare meglio. Si rivede anche Lukaku nota positiva perché permetterà di Inzaghi di poter puntare anche sulla sua forza e velocità.

A livello tecnico e tattico la Lazio gioca bene ed è in grado di colpire in contropiede facendo sfogare la Spal. Inzaghi muta la sua Lazio ed impara ad attendere anche le piccole e fargli fare gioco per poi punirle in contropiede a differenza degli ultimi mesi in cui invece la Lazio aveva fatto sua la partita dal primo all’ultimo minuto senza concedere grossi chance agli avversari. Una prestazione diversa contro una piccola che studia per diventare grande ma ancora delle lacune difensive piuttosto evidenti come la Spal

🦁 Says it all #CMonEagles 🦅

Un post condiviso da S.S. Lazio (@official_sslazio) in data:

Lazio-Spal cosa non funziona ancora?

Lulic non era al meglio ed ha pagato dazio a livello fisico contro un avversario di primissimo piano come Lazzari. La fase difensiva è ancora da rivedere e purtroppo sarà da qui al termine della stagione il problema numero uno della Lazio. Acerbi poco attento in alcune situazioni come quella del gol e quella in cui gli sfugge Antinucci involato verso la porta ed è costretto a stenderlo. Radu è il migliore dei suoi e copre bene ogni linea di passaggio corre e fa legna. Diverso il discorso per Wallace che non è troppo impegnato dagli attaccanti della Spal ma si comporta in maniera egregia. A livello di reparto e di movimenti però la squadra ancora non convince e concede un gol alla Spal in una maniera piuttosto da rivedere subito dopo aver trovato il gol del pari mostrando lacune anche a livello psicologico che vanno superate di squadra.